Gargonza

Dimora di elfi e fate

Cari viaggiatori, questa nuova avventura di  “Un giro in Italia” ci porterà a scoprire le meraviglie di un antico borgo in provincia di Arezzo, nel comune di Monte San Savino. Siamo a Gargonza, nel medievale villaggio che fu teatro di scontri fra guelfi e ghibellini, e che vide Dante nella sua funzione di sommo ambasciatore. Preparatevi, dunque, a passeggiare in un piccolo regno di fiaba, nascosto da fronde alte e lussureggianti e avvolto da un silenzio quasi magico. Non riuscirete a credere ai vostri occhi!

Caricamento mappa...

loading - Gargonza

Piccolo borgo Toscano

gargonza 0354 200x300 - GargonzaQuesto piccolo borgo, visitabile a piedi in circa 20 minuti – forse meno per chi a differenza di noi non scatta una fotografia ogni cinque passi – è un piccolo gioiellino, incastonato su un’altura, dominato da una torre merlata e circondato dalle morbide e verdi colline toscane.

Accompagnati da un silenzio quasi innaturale, solo di tanto in tanto abbiamo sentito le lontane ed ovattate risa di bambini, che hanno riempito l’aria regalando a questo luogo un aspetto ancor più fiabesco.

Come annuncia una dedica affissa sul portale d’ingresso, Gargonza trasmette un messaggio intenso, in un silenzio che “altero” obbliga il viandante che passa di qui a guardare dentro di sé.

Immerso nel verde

In effetti, circondati da questa pace, non abbiamo potuto che dedicare finalmente del tempo alla nostra tranquillità interiore, e il solo frusciare delle fronde e il sole tiepido dell’estate hanno favorito questa nostra passeggiata emozionale.

Qui non sentirete alcun rumore molesto né vedrete molto movimento intorno a voi. I pochissimi turisti che abbiamo incontrato erano ospiti dell’unico albergo presente nella zona. Pochi altri – quelli che come noi erano solo di passaggio – si muovevano taciturni, manifestando lo stesso rispetto rivolto ad un luogo di culto.

Un posto incredibile

In realtà, abbiamo scoperto che l’intera area è un unico grande albergo. Le case del borgo ospitano i turisti che intendono trascorrere una serena e solitaria vacanza, mentre l’edificio vicino alla torre accoglie la reception di questo inusuale hotel.

Terminato il nostro giro, con sguardo trasognato, abbiamo passato un po’ di tempo nella piazza principale. Qui, un pigro e affettuoso gattone ci ha regalato le sue fusa per poi sparire veloce al di là della strada.

Le meraviglie della Toscana

Con un senso di benessere nell’animo abbiamo salutato questo borgo, la cui voce è silente ma arriva all’orecchio di chi sa ascoltare.

Noi le abbiamo prestato attenzione, e da questa dimensione irreale e quasi fatata ne siamo usciti cambiati. Non vi rimane che venire a Gargonza e sperimentare come noi questo viaggio immerso nel silenzio e nella tranquillità.

#Stay with us !

 

 

 

SHARE